Home

Programmazioni

Lascia un commento

Uffa.
Ogni tanto tocca ripetersi, i post che si pubblicano con orario 7e45 e 19e45 sono programmati.
Mi scuso con chi legge il blog da un pezzo e nota ripetizioni a raffica, ma il concetto pare non passare.
Chiaro segno di quanto il blog venga letto.
Non inalberatevi voi quattrobarracinque lettori… parlo degli altri.
Non aprite il link se non siete cristiani.
Sì detto nel senso cattolico, o protestante, del termine.
Altro

Annunci

30 minuti

Lascia un commento

Lo so,  non ho nessuna fantasia con i titoli dei post.
Ma i trenta minuti sono il tempo che ogni due giorni circa mi vengono generosamente concessi da mio fratello al suo pc.
All’incirca.
Potrà sembrare poco, ma mi permette almeno di leggere i posti che bazzico di solito… bazzico?
Che italiano parlo?
Fa niente.
Volevo giusto scrivere due righe.
In trenta minuti me la cavo a leggere un sacco di cose, ma scrivere… quella è un’altra storia.
Più  o meno.
Perché volevo a tutti i costi scrivere? Uhm… diciamo che sono una fissata pignola e ve lo spiego meglio alla prossima mezz’oretta.

Forse.

Che mira!

Lascia un commento

Qualcuno di voi ricorderà che avevo accennato a problemi al computer.

Forse lo possono ricordare solo quelli che per loro sfortuna mi leggono altrove.
Quale sarebbe la mira?
Io programmo i tre post della settimana scorsa e prima che ne possa postare uno per distrarre dall’ultimo, quello a rischio querela per capirci, ecco che il computer mi abbandona, di nuovo.
Come mai ora ci sta questo post? (Sempre siano lodati le biblioteche civiche e i fratelli maggiori, anche quando rompono…i fratelli!)  
Solo per avvisare chi mi sta riempiendo di spam il blog, con una tempestività quanto meno sospetta, che prima o poi mi capiterà a tiro.
E farà bene a mettersi a correre.

I conigli mordono.

Lezioni d’oltreoceano

Lascia un commento

Qualche settimana fa una persona che seguo su twitter ha iniziato a spiegare a chi lo seguiva i passi per la produzione artigianale dello sciroppo d’acero.
Con tanto di documenti fotografici.
Gli ho chiesto il permesso di usare alcune delle sue foto.
Non ho ricevuto risposta, ma una persona una volta ha detto che se non si fanno cose troppo stupide, o di cattivo gusto, chi mette le sue foto online sa bene che ci sarà chi le userà… specie se sei famoso.
E lui lo è.
Quindi spero che l’assenza di un no… sì insomma chi tace acconsente?

Va be’… io spero che non mi arrivi una querela, perché le ho usate.
Gliel’ho pure segnalato.

Cercatemi un avvocato, potrebbe servirmi.
Grazie.

Segnalazioni acide… no spoiler!

Lascia un commento

Parola che non ci sono anticipazioni nel seguente post.
Ce ne sta una nel titolo, ma dovreste avere molta fantasia o aver visto la puntata in questione per coglierla!
OPS!

Altro

Sondaggite molesta: le risposte

Lascia un commento

Per prima cosa grazie a chi ha partecipato al mio mini-sondaggio di tre domande di qualche giorno fa.
Come promesso eccovi la spiegazione.
Mi è capitato di ricevere repliche ai miei commenti che mi facevano saltare la mosca al naso.
E quando potevo andavo a vedere di cosa parlavano di solito le persone che avevano questa abilità di starmi sui nervi.
Ed avevo notato una curiosa coincidenza: in molti casi, non tutti, avevano una delle tre cose come argomento forte del giorno.
O citavano continuamente il Piccolo principe*, o gli aforismi di Coelho** (Spero di averlo scritto giusto, stavolta) o erano fan accaniti delle trasmissioni domenicali***.
Quando non tutte e tre le cose insieme. (Apocalisse!)

Ho voluto vedere come erano le cose coi miei lettori.
^_^
E quindi grazie a tutti per la partecipazione.


Oh sia chiaro niente contro le citazioni, non avrei un etichetta che rimanda a quelle dei telefilm e altre in quel caso, ma se leggo sempre e solo rimandi ad altri, come se fossero cose da prendere per oro colato, qualche dubbio me lo pongo.
Anche io rimando a leggere da altri, ma penso che sia diverso segnalarvi qualcosa che ritengo meritevole di lettura. 
Che presuntuosa che sono.



*Che a me non piace.
Chiedo venia ai fan dell’addomesticatore di volpi, ma non lo reggo.

**Che in portoghese vuole dire coniglio. 
Vi giuro che quando ho scelto il mio nickname non ne avevo idea. E non ho mai letto un suo libro, quindi ne conosco giusto le citazioni lette altrove.


*** Giusto mia nonna le vede, per passare il tempo. 
Io piuttosto mi rileggo per la decima volta “La cittadella” di A.J. Cronin, che già conosco a memoria! O qualsiasi altro libro. Sì… rileggerei anche Il piccolo principe.;-)

Quando voleranno gli asini*

Lascia un commento

Io White Collar lo vedo anche doppiato, un po’ per vedere fino a dove arrivano con gli strafalcioni in adattamento, e un po’ perché lo guardo insieme ad una persona che non riesce a leggere i sottotitoli, e non sa l’inglese, per cui o doppiato o niente.
E dato che mi spiace che si perda le battute, correggo.(Durante le pubblicità!)
Oh bene o male qualche errore lo fanno sempre, vuoi perché in italiano certe frasi sarebbero troppo lunghe da mettere; vuoi perché certi modi di dire puzzano di traduzione; vuoi perché a volte mi sa che il traduttore non è stato capito… ne conoscevo una a cui capitava e si incavolava ogni volta che vedeva il suo lavoro stravolto.
Insomma mi danno sempre materiale.
Di norma a farne le spese sono le battute di Mozzie.
Per chi si fosse perso le puntate precedenti, andate un po’ a leggere questo link.

Anche stavolta è un suo scambio a farne le spese.
Stanno parlando lui e Neal… sulla fiducia.(Cerco di non dare anticipazioni per chi non ha visto l’episodio)
E Mozzie dice una cosa che sorprende Neal sul fatto di farsi aiutare dai federali.
In inglese la frase dello stupito Neal Caffrey all’amico suona più o meno così:
“Ma lo sai che in questo momento degli asini stanno volando, vero?” (In inglese volano i maiali, ma il senso è il medesimo)
E Mozzie dice: “Certo… e il rumore fuori è l’inferno che sta congelando!”

In italiano diventa una cosa così:
“Sai che siamo ad un passo dalla verità!”
“E lui può aiutarci a scoprirla!”

COSA?

Scusate l’urlo, sì il mauscolo in internet significa urlare, ma io dico… come si fa a perdere una battuta carina, con una cosa che poco c’entra con le espressioni dei due attori?
Non è la prima volta, non sarà l’ultima.
Ma io ci resto male, almeno per il tempo di scriverne uno o due post, ogni volta che capita.

Buon fine settimana.

*Non devo spiegarvi il titolo, vero?

P.S.
Aggiornamento del venerdì pomeriggio:  un mio commento in un post altrove sull’argomento.
Parola mia che non ci eravamo accordate per scrivere questo, ho proprio solo aggiunto il link al mio commento da lei: Melissa

Older Entries