Home

Prima o poi mi ci mandano…

Lascia un commento

…a stendere.

Mercoledì vedo che un blogger che leggo non ha ancora aggiornato, e doveva tornare dopo una settimana.
Invece di pensare che:
-Si sta riposando.
-La connessione ballerina è saltata e non può postare.
-Ha di meglio da fare che mettersi ad aggiornare il blog.
-Starà scrivendo la bozza del post, e non vuole fare una cosa di fretta.

Vado in ansia da: oddio gli sarà mica capitato qualcosa?

E invece di stare zitta ad aspettare notizie, glielo dico.
Come se, nel malaugurato caso fosse successo qualcosa, ci sia qualcuno a cui interessino i commenti al blog e perderebbe tempo a rispondermi o a tranquillizarmi.

Oggi la risposta.
Bastava avere un po’ di pazienza.

Vado a farne scorta.
Sempre se mi ricordo dove cercare.
Buon fine settimana.

Annunci

Pensavo ad uno scherzo!

Lascia un commento

Devo confessare che quando ho letto l’ultimo post da Jonloker pensavo ad uno scherzo, nella parte in cui dice che c’erano donne che avevano bevuto il prodotto.
Poi ho letto anche sul corriere un articolo sull’argomento.

Ora… o qualcuno al corriere usa come fonti i blog o Jonloker non stava affatto scherzando.
Purtroppo.

Ma come caspita si fa a bersi una lavanda vaginale… lavanda non Bevanda!

bleah!

Pentole, pentolini e pentoloni.

Lascia un commento

No, nessuna intenzione di aprire una rubrica di cucina.
Avete presente il detto farsi un pentolino di cavoli propri?
Sì quello che si usa per invitare il prossimo a non impicciarsi.
Ebbene a volte non ce li si vuole fare, semplicemente dall’altra parte ci sta qualcuno che pensa che tu le cose le sai e ne parla credendo di fare conversazione.

Invece mi ha fatto fare, non un pentolino,ma una pentola.
Anzi un pentolone, di quelli che si usano per preparare la fagiolata, di affari altrui.

Ora potrà sembrare semplice.
Uno dice dicevi alla persona di tacere ed eri a posto.
L’ho fatto, ma oramai il danno era fatto. Ormai sapevo cose che avrei dovuto ignorare.
Perché non toccava a questa persona mettermi al corrente.
Non che abbia importanza, io non ne parlerò con nessuno e la cosa termina qui.
Cercando un lato positivo: mi eviterò un paio di gaffe.
Ma mi sono chiesta, chissà se anche a questa persona avevano detto di tenerselo per se.
Poveretti quelli che si sono fidati.

Ah dite che ora io ne sto parlando?
Ma sapete forse quando è successo?
Dove?
E soprattutto, cosa?

No, vero?
Quindi io non sto parlando proprio di niente.
Aria fritta.

Ma sei in ferie?

Lascia un commento

Mi è arrivata quella domanda lì via mail.
-Una settimana senza post? Poi un post programmato, ma sei in ferie per caso?

Certo le rinomate ferie a CàResto.
Non ho voglia di scrivere, almeno non sul blog, non ho niente di divertente da raccontare o almeno niente che mi vada di narrarvi qui sopra ed allora taccio.
Senza proclami, finora.
Solo il silenzio.

E poi se andassi in ferie, e non ci tenessi a farlo sapere, mi basterebbe programmare qualche post su argomenti neutri che non si pubblichi agli orari prestabiliti, le 7.45 che li fanno subito identificare come post programmati.
Ma non ho voglia nemmeno di quello, l’anno scorso e pure quello prima, di questo periodo preparavo i post per agosto, anche se poi anche l’anno scorso ero a casa.
Quest’anno niente ispirazione, niente programmazione.

E qualcuno che detesta i miei gusti musicali dirà pure: “E meno male!”
Sono incavolata va bene?
Le ragioni?
Oh più di una, e un giorno magari le leggerete, ma non contateci troppo.
Buon proseguimento di settimana.

Rieccole

Lascia un commento

Se Dio esiste, sarà meglio che abbia una scusa valida. 
Daniel Pennac

Non sentivate la mancanza delle citazioni del lunedì vero?
Ma io sì.
Sperando che nessuno la segnali al mio parroco.
O a mia zia! (Quella suora…)




Ma se anche la leggessero? Si tratta solamente di una citazione.

Enza… saprebbero benissimo quanto io lo pensi.


Guarda che lo sanno già.

Mia zia di sicuro!

Appunto. Nessuna sorpresa da quel punto di vista.

E se una delle etichette dice: A quando la scomunica… qualcosa vorrà pur dire!
Buona settimana.

E questa è bella.

4 commenti

Latinglese/Italinglese…nuova etichetta.
Probabilmente verrà usata solo per questo post. ^_^

Ascoltare un telefilm inglese in lingua originale – sì, con i sottotitoli in italiano – e sentire usare la frase qui pro quo vedersela sottotitolata con do ut des e pensare:
Ma cavoli mi confondono qui pro quo con do ut des? Equivoco con dare per avere?

Andare a scuriosare per capire il mistero e scoprire che ho mancato una D, la frase almeno stando a wikipedia, quindi prendetela con le molle, era: quid pro quo

Leggete i link e vedrete la segnalazione.
Posso dire come la penso?

Tanto che io sono ignorante lo sapete e non vi dovrebbe sorprendere.
Insomma secondo me, qualcuno ha capito Roma per toma, una volta tanti anni fa, poi piuttosto di correggere se stesso e i propri connazionali, statunitensi o inglesi o canadesi non so, ha deciso che non si era sbagliato, non si stava riferendo al latino.

Inventando il neologismo, inglese: quid pro quo.

Dite che mi sbaglio?
Dimostratemelo!
Spiegatemi come sono arrivati ad una frase tanto simile al latino, se non per un errore iniziale.

^_^

Il riposo…

Lascia un commento

… del moschettiere.

O quanto tempo era che non vi raccontavo qualcosa di uno dei moschettieri?
Un sacco, e sì che di cose ne sono successe a iosa.
Insomma, uno dei moschettieri tempo fa è stato un po’ in mia compagnia.
Mentre la sua mamma gli preparava il pranzo io lo facevo giocare, anzi lui faceva giocare me.
Poi era molto stanco, e complice anche il caldo non aveva molta voglia di mangiare, dopo poche cucchiaiate di pappa reclinava il capino stanco, così si è capito che c’era bisogno della pausa.
Mi arriva una richiesta imprevista.
“Ti fermi per pranzo con me? Se ti accontenti di una cosa veloce…”
Mi sono ricordata di una cosa che ha scritto una persona, sul fatto che bisogna cogliere quando una mamma ha bisogno di staccare un po’ dalla mammitudine, magari parlando proprio del pargolo, ma con qualcuno che non le dice come deve crescerlo, ed ho accettato di slancio. Grazie a chi sa.
Le ho domandato come la potevo aiutare, tipo apparecchiando, ma lei si era portata avanti mentre io giocavo con il bimbo.
E io manco me ne ero accorta.
Decisamente non ho molto spirito di osservazione.
Insomma due spaghetti, e un sacco di chiacchiere dopo, con l’orecchio a captare segnali da parte del sonnacchioso moschettiere, mi dice che si solito il piccolo di giorno non dorme molto e che a breve si sarebbe fatto sentire, l’aiuto a sparecchiare, mi offro di lavare almeno io i piatti.
Niente sono ospite, le faccio notare che mi sento in imbarazzo a non fare niente.
Mi fa notare che non è vero che non faccio niente.

Il piccolo prosegue la nanna, si vede che le cavalcate sul girello, e il lavorio, sul tappetino a mostrami uno per uno i suoi giochini, erano stati stancanti parecchio.
Noi proseguiamo con le chiacchiere, le racconto delle altre mamme che ogni tanto sento o leggo, ed altri argomenti vari, compresi i telefilm sì, le dico di Elasti e dei racconti di campi estivi USA.
Magari la legge anche lei, ma non oso chiederglielo, insomma se volesse me lo direbbe lei, quindi io do per scontato che non legga e le servo dei riassunti.
Le racconto di Zaub e del loro gemellaggio. Che gemellaggio sia non vi riguarda lo sanno loro due, e chi legge i commenti da Zaub, forse.
Le spiego che potrei farne un post della giornata di oggi.
Ride e mi dice che posso farlo.
Le domando se vuole mettersi giù a riposare, mi ricorda che il moschettiere a breve si stuferà di dormire, e che preferisce fare quattro chiacchiere.

Ora… io devo avere degli effetti soporiferi sui bambini… visto che ha fatto un riposino di svariate ore.
Unendo il sonnellino di pausa con il sonnellino pomeridiano.
Però al risveglio, pappaaaaaa!

Perlomeno era riposato, e si vedeva che l’umore era ottimo… nonostante i dentini che stanno a dare un po’ noia.
E via di nuovo sul tappetino e in giro per casa, sta imparando a gattonare… soprammobili arrivooooo!

Alla fine ho passato buona parte della giornata con loro.
Ed è stata un ottima giornata.
Con effetti benefici, per me, per loro non saprei, ma spero di sì.
^_^

Buon fine settimana.
Cosa? Qual’è dei moschettieri?
Vi siete scordati il primo post su di loro?
Ognuno di loro sarà sempre e solo: Uno dei moschettieri.
Sempre.

Older Entries