Home

Diritti d’autore…

Lascia un commento

Mia nonna oggi compie 88 anni!
Quelle di sopra sono le sue mani, sempre impegnate a sferruzzare.

“Toglietemi tutto, ma non il mio gomitolo!”

Veramente lei dice la mia lana, ma a me suonava meglio gomitolo, sarebbe la stessa frase che metterei come didascalia a certe fotografie di Apple.

I diritti d’autore sono quelli che dovrei io a lei per certe sue uscite, una volta mi hanno detto che non mi credevano che fosse lei a dire certe cose, ma che ero io che romanzavo i fatti.

Il che a volte è vero, mica posso spiegare i dettagli privati della vita di mia nonna su un blog, devo depurare un attimo, ma omettere dei dettagli, modificare una parte per non far capire di chi sta parlando mia nonna, non è inventare.

La mia vecchietta è capace di fulminarti con una frecciata, pare che non ascolti quello che si dice e poi quando meno te lo aspetti: zac!

Per farla contenta a volte le domando se si ricorda di tizio e caio:
Lasciandola parlare per mezz’ore… ma guai a dire il classico sì ogni tanto senza ascoltarla, è capace di far domande trabocchetto per vedere se la si stava a sentire.

Ovviamente a volte mette insieme i suoi contesti come pare a lei, sente una cosa alla televisione, ascolta i nostri discorsi, e mette insieme notizie apparentemente fuori contesto…

Il colmo è che a volte ha capito meglio lei, quasi novantenne, il succo del discorso di tanti molto più giovani di lei, che teoricamente dovrebbero essere più in gamba!

Chiaro che per capirla a volte ci va la stele di rosetta, è dura sbrogliare la matassa dei suoi pensieri a volte, prima di ottenere il suo gomitolo deve lavorare parecchio, e alla stessa maniera a volte fa tribolare noi.

Ma ci metterei la firma ad invecchiare con la mente attiva di mia nonna.
Magari non sa far di conto, ha difficoltà a leggere l’ora, ma c’è ancora.
E soprattutto ci sono i suoi ricordi, quelli che ogni tanto le fanno dire di chi non passa mai a trovarla:

“Però scommetti che al mio funerale verrannò in lacrime?
Mi alzerei a sputarghe in faccia!”

E io penso:
più tardi nonna, il più tardi possibile!

Certo che l’immagine di te che ti levi dal catafalco, temo mi farà scoppiare a ridere nel momento sbagliato… o forse sarà quello giusto!

Ah ecco ho romanzato…
Ma non ve lo spiego DOVE.

Tanti Auguri NONNA!

Settimana corta

Lascia un commento

Questa settimana si lavora solo tre giorni.

Chi fa lavori per cui non ci sta nemmeno pausa il Primo Maggio HA tutta la mia solidarietà.

Chi fa il viadotto, nel senso che attacca il ponte del 25 aprile con quello del Primo Maggio NON HA la mia invidia.

No, non è che sono particolamente buona d’animo, chi mi conosce sa che razza di carognetta fatta e finita io sia.

E’ che oggi son di buonumore, non so manco io per cosa poi.

domani potrebbe nevicare!
Buon proseguimento di settimana.

Elasti e una lezione di stile.

2 commenti

Probabilmente quando scoprirà che ho fatto Elasti cercherà uno spiedo per cucinarmi a dovere, ma fino ad allora saltello tranquilla e felice.

cliccate sul titolo e troverete come con poche semplici parole messe in fila si possano costruire post che uniscano:
Un Riassunto di cos’è a volte un blog.
Una sintesi di rispetto per il prossimo e di sincerità.

Forse dovrei editare uno o due dei miei post, ma sono troppo pigra per farlo…
Li lascio, sperando di non aver mai varcato quel limite, ma essendo ben conscia che sicuramente l’ho fatto… solo non ho avuto il tuo stile nello scusarmi!

Grazie di esistere Elasti!

Grazie Faith

Lascia un commento

Faith era una vita che non postava, su internet il tempo passa troppo veloce, non leggere aggiornamenti per quattro mesi, specie se ci si legge solamente nei rispettivi blog, a volte preoccupa.

Ma so che studia.
So che non ha tempo, o di certo ne ha meno di me.
So che quando poi scrive è un piacere leggerla,e oggi mi ha fatto troppo ridere.

Grazie Faith, copio il tuo post, ti linko nella barra a sinistra e ti auguro di rimetterti presto in forma.

firmato
Una vecchia conoscenza.

occhi orientali
Tutti parlano dello strapotere cinese…il segreto è forse nel vedere le cose in modo diverso:prendi ad esempio l’immagine che segue…se la guardi da occidentale e’ incomprensibile…ma se provi a fare gli occhi a mandorla, tirandoli con le mani……tirali bene…

Per vedere il post orginale cliccare sul titolo del mio post.

Cambiamenti…

Lascia un commento

Chi mi conosce sa quanto io detesti i cambiamenti.

Sono consapevole che fanno parte dell’ordine delle cose, ma mi piace avere i miei due o tre(cento) punti fermi.

Uno di questi sta per essere scardinato dalla sua sede, e di SUA spontanea volontà.

Ad un:
-Ma ti paion cose da fare?

Ho ricevuto in risposta:
-Cambiare fa bene.

Volevo gridare che non era una puntata di uno dei miei telefilm preferiti, sia in JAG che in House MD i discorsi sul cambiamento si sprecano, ma se lo avessi fatto ora sarei in una stanza imbottita con una bella camicia con le maniche lunghe.

La mia follia è limitata allo scrivere, per ora!

E poi mi avrebbe risposto che la vita non è mica un telefilm.

No, non lo è, ma mi mancheranno i riferimenti telefilmeschi che ti cucivo addosso e ti calzavano a pennello, mi mancherai tu.

ok… ora che nessuno si azzardi ad ipotizzare cose idiote…questo punto fermo è solo un caro Amico, non amico in quel senso là, ma una persona speciale… di cui non posso fare il nome, la sua privacy è cosa preziosa.

Però vado di telefilm… almeno se legge si fa due risate:

Di volta in volta si è sentito appellare come Ammiraglio, Dottore, Capitano o Gibbs…

capitano… non ci sono ascensori da chiudere(ultima puntata quarta serie, L’Addio, il capitano Rabb lascia lo JAG e l’episodio si chiude su un ascensore che lo porta di sotto…)

Gibbs… la telepatia del sapere cosa stavo per chiederti prima che lo chiedessi, o io troppo prevedibile o tu troppo previdente!

ammiraglio… se ne va nella nona serie… ti prego dimmi che nella prossima annata non mi capita Yuk-Yuk, se non vedevi JAG non te lo posso spiegare… stanno chiamando per la stanza di cui dicevo sopra mentre leggono questo post.

dottore… a me non mancherai tu, ma il tuo casco in estate!!!

In Bocca al lupo.
E grazie che non mi hai mandato MAI a stendere, con tutte le volte che ne sei stato tentato.

La Palestra, Vietato fumare.

Lascia un commento

Il sottotitolo è strano?
Ma no.
Allora come è ovvio nei luoghi pubblici, e quindi anche sul posto di lavoro è vietato fumare, ma a me oggi scappava da ridere!

Stavo trascrivendo i dati di un filato, non spedisco più, ma i dati li devo scrivere lo stesso…dicevo i dati:

Colore: Fumo…

Era un grigio… e io ho pensato se mi chiedono che stai facendo? posso dire: FUMO!

Il che potrebbe dar luogo ad esilaranti equivoci, visto che lo sanno i miei colleghi che io non sono una fumatrice…
equivoci del tipo:

Fumi dalla rabbia?
Io noto fiammifero…

Hai preso fuoco?
Stessa ragione di prima…

Si sa in inverno tutti gli st***zi fumano…
Questa me la dico da sola, prima che me la dicano gli altri!

😀

so’ mara…

Lascia un commento

sono Mara detto alla romana, mi permette di tirare in ballo l’ultimo libro letto.

Mi è piaciuto.

Mio fratello l’altra sera mi dice:
“Ogni tanto nomini Pennac, questo lo hai letto?”
mia risposta:
-Nomino Malaussène, di Pennac… non parlo mai dello scrittore… e no non l’ho letto.

Lui non si scompone alla mia precisazione da pignola, ormai mi conosce da mo…
-io l’ho appena iniziato, mi piace, ma se vuoi leggerlo te prima.

(Io son velocissima a leggere… 240 pagine lette di un fiato… nonostante la febbre!)

Stasera mentre davo un occhiata al forum, mi sono accorta che Malaussène lo nomino proprio ovunque!

http://jag.forumfree.net/?t=22277498

Ha ragione mio fratello… speriamo non lo scopra mai Mounsier Pennacchioni!

Ah il libro merita una rilettura con più calma, ma prima lo devo ridare al suo proprietario che legge molto più piano di me, ve lo dico qui voi, non ditegli che ve l’ho raccontato!

Certo che a volte mio fratello mi sorprende, a volte un espressione scocciata quando parlo, pare che gli do fastidio quando gli racconto qualcosa, e poi mi salta fuori a ricordarsi di quello che gli dico…

e io che spesso penso che manco mi ascolti…

ascolta eccome!

Buona domenica.

Older Entries