Home

Un’ora e mezza…

Lascia un commento

…ma me la sono ascoltata tutta.

E mi sento di dirvi…

 


 … di ascoltarla se non lo avete fatto.
Annunci

L’altro ieri…

Lascia un commento

… ho votato.
E adesso lo posso anche dire. 

Mai come quest’anno mi sono trovata in difficoltà con i soliti astensionisti. Altro

Silenzio…

Lascia un commento

… elezioni in corso.

Ci rileggiamo martedì. 

Altro

Promemoria… da ottobre.

Lascia un commento

Due mesi fa scrivevo questo post.

Sia sulla pagina che su fanbrodo sul blog che sul profilo personale. 


Poi ho messo il link in naftalina per scriverne, forse, una volta passato il 4 dicembre. 

Perchè sul blog avevo detto niente notizie di cronaca.
Ma ero su fanbrodo mica sul blog. 
^_^

Dettagli ed eccezioni.

Altro

Lascia un commento

Senza titolo, perché onestamente non me ne viene mezzo.
L’etichetta del post dice politica, dovrebbe dire anche copia ed incolla visto che è un pezzo che ho scritto ieri sera mentre seguivo le notizie del voto e leggevo i commenti altrui.
Da qui.

Altro

Quelli che…

Lascia un commento

…fanno dell’incoerenza una ragione di vita.
Politica e due risate insieme?
Bhe leggete l’articolo e poi ditemi se non è vero.
Cascherebbero male se dovessero mantenere quanto promesso no?
Un piccolo link, visto che mi hanno detto che trovavano strano che non avessi niente da dire sulle ultime votazioni.
Ma sono sempre dietro che scrivo di politica io?
A me non pare proprio.
Anche se l’idea di usare solo l’arancione per il post mi era venuta, anche se non sono di Milano.

25+1 aka Polentagraben

Lascia un commento


Qualche giorno fa mi hanno chiesto che fine avevo fatto e come mai non scrivo più. Beh, in parte è sicuramente perché mi pare di non avere niente da dire, oppure se qualcosa da dire c’è qualcun altro lo ha fatto prima e meglio di me.

Oggi però un paio di parole le vorrei spendere. Anche se pian pianino quello che fino a ieri si sussurrava per rispetto delle circostanze o quasi per timore, oggi inizia ad avere un’eco.

Nell’attentato perpetrato il 28 aprile in un caffè di Marrakech hanno perso la vita 17 persone. E quella realtà che fino al giorno prima sembrava lontana per la prima volta ha scosso il Ticino: assieme a 8 francesi, 3 marocchini, un inglese, un canadese e un olandese sono morti anche 3 ragazzi ticinesi. Ma non è su questo che mi voglio soffermare, perché non ci sono parole per esprimere l’orrore e il senso di impotenza.

Nell’ultima settimana sono state mosse dure critiche alle istituzioni federali per la loro assenza e la mancanza di informazioni. Politici da cartolina! Berna però non è stata l’unica a restare quasi indifferente. Non a caso qui sopra ho parlato di vittime ticinesi e non svizzere, perché la stampa di oltre Gottardo ha praticamente ignorato la cosa. Proprio come se non li riguardasse.
No, questa volta la sindrome di Calimero non c’entra, non sono le solite sparate di un cantone indolente e viziato o di partiti a caccia di consensi. Il fatto è che il Ticino piange i suoi ragazzi e lo fa da solo. E io lo trovo inammissibile e vergognoso.
Ogni anno puntualmente i quotidiani svizzerotedeschi trovano il tempo e lo spazio per raccomandare ai loro lettori di non scendere in Ticino per il weekend pasquale causa meteo sfavorevole e nel momento in cui il paese dovrebbe essere unito più che mai… NIENTE? Ma a voi pare una cosa normale?

In circostanze come questa le nazioni non hanno confini, ogni vittima è cittadina del mondo. Così credevo. Evidentemente Svizzera tedesca e romanda fanno eccezione. Che vergogna! E che delusione! Siamo come una goccia d’olio sul pelo dell’acqua: il legame e il senso di appartenenza al nostro paese non mancano, ma sembrano non bastare mai. A volte si ha proprio l’impressione che la Svizzera sia composta da 25 cantoni più il Ticino.

So che l’argomento non interessa la maggior parte dei lettori del blog, ma queste cose mi fanno incazzare e ogni tanto vanno dette.

Older Entries