Home

Volevo scrivere…

Lascia un commento

…di quella volta che ho fatto il giro dell’orologio. 
Cioè passato la notte in bianco e poi sono andata a lavorare… e una volta a casa ho potuto andare a riposare solo verso le 22 ed era dalle 5 del mattino precedente che ero su.

E non era per una notte bianca di divertimento.
Altro

Annunci

Esaltazioni temporanee

Lascia un commento

Ho appena letto una persona che si esalta quando vede visite dal Texas al
suo blog. (No, non dico il mio vecchio post dell’anno scorso, qualcun’altro)

Sospetto che abbia lo stesso bot che passa anche da me… regolarmente,
probabilmente via twitter, ma non vedo perché devo andare a rovinare la
gioia di qualcuno che ancora si illude con un’inutile cattiveria.

Va bene che sono una bestia grama, ma a volte posso fare lo sforzo di trattenermi.

Se domani nevica alle Maldive sapete a chi dare la colpa.



Insonnia e giardini

Lascia un commento

Io a letto ero andata ad un orario decente, quello che consigliano gli esperti del riposo… tra le ventuno e le ventitre, non troppo presto e nemmeno troppo tardi.
Più o meno… insomma le 23 erano passate da qualche minuto, suvvia.
Sta di fatto che dopo quasi due ore ero lì a guardare il soffitto domandandomi se aveva senso starmene sveglia nel letto.
Così mi sono detta che non sarebbero stati dieci minuti sul web la mia rovina.
Ed ho acceso il computer, che avevo spento ore prima… no, non prima di andare a dormire, molto prima.
Faccio un giretto su twitter e mi viene involontariamente ricordato che con l’arrivo della primavera sarà bene che dia una mano a tenere curato il prato condominiale.
Vecchi post, di quando avevo ancora un lavoro e certe frasi facevano sorridere… specie se te le dicevano quando finivi le ferie a CàResto.


Ma quelli che non ti seguono su twitter cosa ne capiscono di questo post?

Enza, ma soffri di insonnia pure tu? E non ci capiscono nulla manco quelli che mi seguono comunque.

Questo è vero, ma se ti sembra possibile che io non soffra di insonnia allora noi si ha da fare un discorso.

Allo specchio?

Esattamente.

Uhm… preferisco evitare, direi che bastano questi siparietti sul blog.

Bastano per il tuo TSO.


Esattamente.

Chi lo spiega al giardiniere di sopra che i siparietti con Enza Cosci li facevo anche prima che lui si divertisse a rispondersi da solo su twitter? Forse basta che gli segnalo il post. ^_^
O dite che è meglio di no?

Dagli appunti/3

Lascia un commento

Ci sono cose che non finiranno mai sul blog, né in altro luogo aperto alla lettura come account internet di qualsivoglia tipo.
Appartengono a due categorie distinte.
1) Quelle di cui IO non voglio parlare.
2) Quelle di cui MI hanno proibito di parlare.
A volte le due cose coincidono, non sempre.

Poi ci sta una categoria che non è proprio come le due sopra, sono le cose che non puoi spiegare fino in fondo senza tirare in ballo terze persone a cui non puoi chiedere il permesso e allora si usano i riferimenti ai blog degli altri, certe cose pare che siano universali, o si glissa sui telefilm.
Quando i riferimenti NON sono casuali.

Il guaio con quest’ultima categoria è quando qualcuno pensa che dici a lui o a lei e tu invece per una volta non stavi riferendoti ad altro che a quello che avevi scritto.
E tu non puoi spiegarlo, perché se lo spieghi… poi diventa chiaro che tutte le altre volte in cui NON hai spiegato niente il riferimento c’era eccome.

Paranoie.

Io me lo ricordavo…

Lascia un commento

…che da qualche parte avevo letto una versione della carbonara che mi aveva ispirato.
Devo confessarvi di non averci mai messo il pepe, ok un pizzichino col sale nel battuto di uova, ma non di più e sono certa che non me la farebbe passare liscia se leggesse il mio blog, ma so che non lo legge quindi sparlo liberamente alle sue spalle. 😉
Però era anche per quello che sapevo bene che questa ricetta qui era un immane errore.
Va bene lo ammetto mi spiaceva averla mandata fuori dalla home page sabato ed ho cercato una scusa per linkarvela.
Ma la ricetta è buona. Dico quella del primo link.
Al secondo non fate troppo caso, tanto era rimasta online per quasi una settimana.
Buona settimana.

R come Ritardo

Lascia un commento

Sono arrivata in ritardo.
Stanotte non mi riusciva di dormire, così stanca di rigirarmi nel letto mi sono alzata e ho dato un’occhiata a cosa andava in tv, girellando sui canali mi sono imbattuta in una specie di documentario.
Il titolo mi ha catturata.
Conigli alla berlinese.
Avrei poi scoperto che era un film che è anche stato premiato, usate gugole se volete dettagli io adesso non ho voglia di passarvi link.
È la storia di un branco di conigli rimasto intrappolato nella striscia della morte, lo spazio tra Berlino est e Berlino Ovest.
L’avevano mandato due anni fa in occasione del ventennale della caduta del muro, ma non lo avevo visto.
Peccato che ne mandino le repliche ad un’ora così tarda.
Il punto di vista dei conigli di quella stranezza umana. Per loro all’inizio piccolo paradiso visto che era un incredibile striscia di prato a loro completa disposizione.
Eccessiva antropomorfizzazione dei presunti pensieri lapini a parte mi è piaciuto, anche se mi ha dato un magone indicibile sentire una delle guardie dire:
-No, all’inizio non sparavamo ai conigli, i proiettili non potevano essere sprecati.
Nel senso che potevano sparare solo alle persone.
No, dopo non ho proprio preso sonno del tutto.
E di certo non per il mio nickname.
O per un post vecchio… pure lui di un paio di anni fa.
 

Se fosse vero…

Lascia un commento

… penso che conosciamo tutti un sacco di milionari mancati.
Cosa?
Ah sì, ennesima ricerca statistica, che fa pensare a quanti soldi finiscono sprecati in ricerche di cui onestamente non si capisce il senso. Pare che serva solo a sconfessare quella fatta in precedenza per cui si vive e si guadagna meglio se ci si comporta bene.
Questa dice che gli antipatici fanno più soldi, sulla qualità della vita non si pronuncia.
No ma un momento, pieni di soldi se antipatici?
Scusate, ma chi si è preso la mia parte?
Al ladroooooo!

Older Entries