… sempre da Palazzo Milzetti. 


Sala da pranzo.





Dicevo… sala da pranzo con vista sul giardino. 




I vetri quel dì erano purtroppo un poco sporchi, ma nel giardino uscimmo poi. 

Molto poi… prima andammo in altre stanze. 

Riccamente decorate.

Pochi scatti, le pareti scure hanno reso un poco difficoltoso, data la scarsità della sottoscritta come fotografa, ottenere buone immagini. 


E quelle poche… eccovele. 


Avete indovinato di che stanza si tratta?

No?


Beh le prossime foto dovrebbero chiarirlo oltre ogni ragionevole dubbio. 

Esatto… la stanza da bagno. 

E quelle che sembrano delle tende sono piastrelle decorate.
Dopotutto siamo a Faenza.
E se non avete capito l’ultima frase… vi dico solo che c’è il museo delle ceramiche a Faenza!

Ma di quello parleremo un’altra volta!

Per ora vi faccio solo uscire dal bagno, ed entrare nella stanza seguente. 

Di cui vi faccio ammirare il soffitto e le pareti. 
Decorate a finto legno. 

Prima di presentarvi…

 … lo studiolo, o per meglio dire la libreria. 


Peccato per l’assenza dei libri.

E abbiamo quasi concluso la visita al piano terra.

Manca giusto una stanza. 


Che però vi farò vedere col prossimo post. 


Per oggi basta così. 



Annunci