Tra giugno e luglio sono accadute troppe cose.
Negative e non, ma con preponderanza di quelle negative. 
Per cui la scelta di programmare quei due post, che erano in bozze e tanto valeva pubblicarli, senza scrivere nulla delle cose capitate. 
Perché a volte… meglio tacere. (E non solo per certi miei vecchi post)

Anche se così sembra che detti argomenti non mi tocchino.
O che non me ne importi.
In realtà a volte è vero l’opposto. 
Ma questo blog non è mai stato, tranne per rarissime eccezioni, il posto giusto per le cose troppo serie. 
Al massimo vi spedivo a leggere chi delle cose serie ne sa scrivere bene, con cognizione di causa e capacità dialettica anche nel rispondere agli eventuali commenti.


Stavolta nemmeno quello.
Ogni tanto il soprannome “quella dei link”… va in sciopero.


Solo ogni tanto, non ci fate l’abitudine.

Minaccia o promessa?
Forse entrambe. 


Agosto doveva essere un buon mese.
Avrebbe dovuto essere un buon mese.
Avrebbe potuto essere un buon mese.

E invece no.
😦

 
Le tre G saranno la mia compagnia per le prossime settimane.
Perderò un sacco di turni di lavoro, coi colleghi in ferie il mio part
time diventava quasi un tempo pieno e ne ero molto felice… pronta a
essere stanca morta a fine mese, ma felice!
(Specialmente il giorno di San Paganino…)

E invece.

Cosa sono le tre G?
Ginocchiera, Ghiaccio e Grucce.
:-/
Sigh.

(Sì, la seconda parte la ho aggiunta ora, la prima parte del post invece era pronta da prima, come gli altri due post più o meno.)

Annunci