Più
che le FAQ Frequently Asked Question o in italiano… DPF Domande poste
frequentemente, a me viene in mente un’ Idiozie Poste Frequentemente.

Il concetto di base è semplice, alcune informazioni che vengono
richieste sono reperibili online, su siti sull’argomento eh, mica dico nei
blog degli appassionati, quindi se riesci ad essere su facebook o su
twitter teoricamente sai usare il web.
 

Molto teoricamente.


Ci sta gente che sa giusto aprirli (FB&T) e magari manco quello,
glielo fa lo smartphone in automatico e manco sanno come funziona.

E lì si capisce che la sola cosa smart, starebbe per sveglio/intelligente/acuto, sia proprio quello che tengono tra le mani.


Di chi sto parlando?
No, niente.
Meglio se non ve lo dico.
O mi diranno che sono invidiosa di chi smanetta per ore dal tablet o
altro ameniccolo mentre io viaggio col mio bradipetto (leggi pc fisso
annata 2002) che l’altra sera si è spento da solo.

E chi ne sa di computer sa bene che si spengono da soli… marca male.
Quindi mi scocciano quelli che potendo leggere ed informarsi un po’ prima di fare domande ripetitive, fa le domande di sopra.
E io che tengo un bradipo… scorro le pagine e leggo il loro ripetersi.


Che poi… sarebbe la stessa cosa che noterebbe chi dovesse scorrere la mia di pagina, o il blog, a ripetizioni me la cavo pure io.


Ma tanto nessuno le scorre le pagine, vero?

Annunci