Ve le ricordate le regole dei racconti dal parco? 
Sono le stesse al supermercato.  
Come sarebbe quali regole? 
Andate a leggere i post etichettati come parco e poi tornate a leggere questo post.

 
Un cagnolino è sfuggito alla propria umana di riferimento al supermercato, si mette a seguire mia madre.
Anche nel parcheggio, lei lo prende in braccio per timore che finisca sotto una macchina, ah piccola annotazione: mia madre ha paura dei cani.

Ovviamente questo tenero cucciolo è stato smarrito e non abbandonato, mia madre ritira la spesa in macchina e va a fare avvertire con gli altoparlanti del supermercato che è stato trovato un cucciolo.
L’umana di riferimento arriva, piuttosto sconvolta, e ringrazia. 

Lo stava cercando preoccupata e non ha pensato di chiedere aiuto agli addetti, forse perché non doveva entrare col cane nel supermercato? Non lo so e non lo ho chiesto.
Il cuccioletto è sano e salvo.
E mia madre mi racconta l’accaduto, le chiedo di descrivermi la bestiola e mi dice: “Come quello della pubblicità della carta igenica.”
Mi scappa da ridere e le domando se ha controllato che non la stessero riprendendo.
 

Poi scappo, prima che mi arrivi una ciabatta sul coppino.

Annunci