Twitter mi permette di fare notevoli figurine del menga, i miei tweet in italinglese* a certi attori, o sceneggiatori, sono là a dimostrarlo qualora osassi negare l’evidenza,(La mia sola fortuna è che non li leggono!) ma non solo.
A volte fa anche trovare cose che si ignoravano completamente.
Ad esempio non avevo idea che l’italiano fosse tanto studiato all’estero.
Né sapevo che esisteva una settimana della lingua italiana.
E trovare un’americana che scrive in italiano su twitter, anzi due la seconda ha anche un blog,per me è stato una scoperta curiosa.Se adesso mi dite che lo sapevate tutti, il primo post è di un paio di anni fa, e io sono arrivata con l’ultimo treno… me ne farò una ragione. Tanto a me piacciono i treni. 😛
Di solito incappo in italiani che scrivono in inglese, chi per esercitarsi con la lingua esattamente come la blogger americana, chi perché ha deciso che l’inglese è il solo linguaggio da usare sul web e si rifiuta di usare l’italiano (sto parlando di chi so che è italiano eh!) che fa più figo l’inglese. No, non ve li ho mai segnalati, ma ho detto che vi incappo non che torno a leggerli una seconda volta.
Trovare l’opposto è stata una piacevole scoperta.
No… nessuna classifica.
Non sono uno meglio e uno peggio, sono solo…linguaggi differenti.
Però trovare che quello che faccio io di guardare qualche telefilm in lingua inglese per abituarmi a capirlo parlato e non solo poco per iscritto… viene fatto coi programmi italiani e persino con le versioni doppiate dei telefilm americani, cosa per cui i doppiatori possono stare tranquilli, tra gli italiani che non sanno l’inglese e odiano i sottotitoli e quelli che studiano l’italiano col doppiaggi: hanno il lavoro assicurato.
Uhm… e sono riuscita anche in un post di segnalazione di altrui blog a parlare di telefilm… ma quanto sono grave?
Molto.
^_^

*Ma non è che in italiano me le faccia mancare, dico le figurine, quelle non mancano mai.

Annunci