Home

Il balcone dell’altro lato…

1 commento

C’era un balcone, nel condominio dove abitavo da bambina, che stava sul lato opposto del mio.
E una volta vidi fuori stesi tanti piccoli lenzuolini bianchi.
O almeno a me da lontano, c’erano un bel po’ di metri, parevano lenzuolini.
Io piccina me ne uscì con la domanda:
“Mamma, ma cosa sono?”
“I pannolini dell’ultimo nato in casa *********”
“Oh… ma ne fa proprio tanta di c***a allora?”
“Eh sì! Siete dei cagoni da piccoli!”
“Mamma!”

Piccole censuratrici crescono!

Cosa sto dicendo?
Oh niente è che Elasti ha l’innata capacità di riattivarmi la memoria a lungo termine, oggi con il suo eco-microbbit ha attivato quel ricordo lì.

Grazie Elasti.

L’idea sarebbe buona…

Lascia un commento

… ma il modo in cui viene proposta non mi piace.

L’idea qual’è?
Nella mia zona, all’incirca, vogliono dedicare una scuola ad Oriana Fallaci.
Ora si parla di una grande giornalista che ha raccontato fatti importanti.
Il mondo intero praticamente.
Di una scrittirce di cui non potevi che ammirare il talento immenso, anche quando non si era d’accordo con quello che diceva.
O con il modo con cui veniva espresso.

Ed infatti io l’idea la considero buona.

Ma quando nel promuoverla si nomina quasi solo la sua lotta contro l’islamisazione, Per la rabbia e l’orgoglio etcetera… allora non ci siamo.
Oriana Fallaci è anche quello.

Ma non solo.

Non si può usarla in questo modo, che lei a vedersi usare da certa gente ho idea che avrebbe reazioni poco cortesi.
Almeno stando a quello che ho letto in: Oriana Intervista Oriana.

Ma magari mi sbaglio io.
Anzi sicuramente mi sbaglio.
Forse.

Intanto vado a ri-leggermi Oriana intervista Oriana
Che sennò il link letture la in basso che l’ho messo a fare?