Doveva esserci un riferimento telefilmico, per evitare che si riconoscessero e mi venissero a cercare per grigliarmi.
I due che ho paragonato ad Etna e Vesuvio in un mio personale discorso sulla calma apparente di alcune persone.

Ma il riferimento è troppo lontano.
Avrei dovuto aspettare l’anno prossimo e non ho voglia.

Poi sono capitata su uno spezzone della seconda serie di un certo telefilm.
Sì. Criminal Minds.

Dialogo tra Hotch e Gideon in un episodio della seconda serie di CM.
Stanno dando la caccia ad un piromane.
Un loro sospettato attira la simpatia di Hotch, per questioni personali.
Dalla sua associazione, del sospettato, ha preso spunto il  piromane e l’uomo si sente responsabile.

Gideon ed Hotch hanno questo dialogo quasi la fine del telefilm.

“Garcia ha controllato il telefono di Habby, lui ha chiamato Styles dopo aver visto me.”
“C’è qualcosa in lui di molto simile a te, vero?”
“Catturo assassini, salvo vite. Sono un eroe. Fino al momento in cui apro la porta di casa e torno ad essere il marito ed il padre che non c’è mai.”
“Ci sono passato anch’io”
“La verità è che… quando sono a casa, vivo in questo panico muto, perchè so di dover fare il meglio possibile, il prima possibile, visto che presto il telefono suonerà e dovrò andare via. E quel panico è ciò che ho visto in Habby”
“Bene, allora sei Habby, ti resta poco da vivere e devi mettere le cose a posto,non hai molto tempo, che fai?. Andiamo, non devi pensarci.”
“Lo fermerei”
“Come?”
“Lo brucerei, come lui ha fatto con gli altri. E lo farei dove nessun altro possa farsi male.
Ecco perché prima avvertirei la polizia.”

Certo che il dialogo solo scritto fa sembrare Hotch quasi un mostro, mancano le espressioni degli attori per rendere l’idea.
Ed avrei dovuto descrivervi meglio la situazione.
Solo le parole a volte non bastano.

Solo che a rivedermi la scena,che per riscriverla pari pari ho dovuto, mi sono detta che mister controllo(Hotch) quando lo perde – non pensarci dillo e basta- è letale.

Ergo, quelli bravi quando si incavolano sono sempre più pericolosi di quelli che ogni tanto sbottano.
Una cosa tipo… Etna e Vesuvio.
L’Etna ogni tanto borbotta, ma lo si sa e ci si sta attenti… il Vesuvio fa molta ma molta più paura.
Che non è così prevedibile, forse.
Domandare a Pompei(Ed Ercolano e Stabia) per conferme.

Oh sono decenni che uso l’esempio, non datemi la patente di Pirandello se capita qualcosa vicino ai suddetti vulcani.
Che di amici napoletani e siciliani che mi fanno alla brace ne tengo già a sufficienza.

Ah cosa credete che diranno L’Etna e il Vesuvio a cui mi riferisco io?
Spero non leggano.
O potrebbero anche decidere di fare un’eruzione in sincrono… ed è meglio stargli mooooolto lontani!

Però conto sul fatto che bene o male lo sanno che la penso così.
E il colmo è che se vogliono questa cosa me la possono girare addosso.
Con una differenza sostanziale, io tendo sia a borbottare che sbottare in modo improvviso ed imprevisto.
Ergo, forse non è proprio a loro due che penso quando mi vengono certi paragoni.

Sempre SOM fin nel midollo, io.

Annunci