Me lo sono chiesto più volte.
Ovviamente avendo letto il libro in questione lo so bene.
Però io da luglio avevo deciso che sarebbero stati quattro, i moschettieri.
Eccola la squadra di scherma.
Se poi uno o più di loro dovesse davvero darsi alla scherma da grande, gli stamperò questo post e glielo consegnerò.

Perché da luglio?

Oh è complicato.
Tutto è iniziato quando un’amica a gennaio mi ha comunicato che stava per avere un bambino.
Una persona che conosco personalmente non per iscritto.
Poi di notizie simili ne sarebbero arrivate altre, alcune solo lette sui rispettivi blog: Madrigopolis,Mammaepoi, Zaubarei.
Persone mai incontrate, non dico sconosciute perché a leggersi un po’ ci si conosce, forse di più che ad incontrarsi a volte.
Altre invece erano persone che ho incontrato di persona.

Una era a gennaio, vero?
Infatti il primo moschettiere è arrivato a settembre.
Ma io già a luglio stavo studiando questo post.

Perchè a luglio avrei saputo che le quattro persone che conoscevo per averle incontrate, alcune di loro solamente in due occasioni, ma siamo rimaste in contatto, aspettavano tutte dei maschi.
La battuta sorse spontanea.
“Oh arrivano i quattro moschettieri!”

Visto che tutto era iniziato a gennaio, ed a gennaio pareva dovesse arrivare il quarto, avvertì le mie amiche che avrei dedicato un post cumulativo ai loro pargoli proprio in questo mese.

Poi chi doveva arrivare a gennaio fece lo scherzetto di arrivare prima.
Così sono tutti nati nel 2009.

Avvisai una delle mamme che avrei fatto rivoltare un pover uomo nella sua tomba.
Citando il suo romanzo più famoso.
O almeno uno dei più famosi.

Che pare che ne avesse scritti parecchi, anche se non tutti da solo.
E questa cosa mi colpisce.
Per via di altre cose che non c’entrano con i pargoli.
Che il termine i tre moschettieri io lo avevo usato anche altrove, ma era una fanfiction su JAG.
Altri lo hanno usato per CM.
Insomma è meglio se le quattro mamme qui non leggono.

E no, non lo stampo il post, anche se si dovessero dare alla scherma tutti e quattro.