Home

Gli auguri dal forum

Lascia un commento

Sul forum di CM hanno postato questo video natalizio.
E non potevo proprio non proporvelo.

Anche perché così faccio scorrere di sotto alla svelta il messaggio di poco fa, prima che lo leggano in troppi!

^_^

Annunci

Poi te ne penti

Lascia un commento

Magari di aver postato questo pezzo, ma non credo.
Anche se è Natale, tanto gli auguri ve li ho fatti sotto no?

^_^

Io non ho la patente.
Non ve ne sto a spiegare le ragioni, fatevi pure le vostre ipotesi.
Sta di fatto che non ce l’ho e a cadenza regolare ci sta un piccolo manipolo di idioti che quando lo scopre se ne esce con una frase, sì quella del titolo.

Poi te ne penti

Riferendosi al fatto che invecchiando la bici potrebbe essere difficoltosa da portare ed a piedi farei fatica?
Oh invece un ottuagenaria in automobile è cosa sicura!
Oddio conosco alcuni 40enni che guidano peggio di come guiderebbe mia nonna, forse l’età non è un buon metro di giudizio, forse.

E a me viene voglia di mandarli a farsi benedire.
No dico, ma credono davvero che a me ORA piaccia dipendere dalla cortesia altrui per i passaggi?
Visto che dicono POI…

Poi d’Egitto.
IO di non poter guidare sono spiacente anche ORA!
Io di dover controllare che i treni non prevedano scioperi ed altro quando vado a zonzo, sono assai scocciata, per quanto mi piaccia andare in treno… a volte un poco meno.
Io…ok basta con soddisfazioni all’ego.

Voi che vi permettere di decidere che non guido perché non voglio che se volessi potrei, che cacchio ne sapete delle ragioni per cui mi rifiuto di farlo?
Credete di sapere le mie ragioni sulla base delle vostre?

Ho ancora bene in mente un viaggio fatto piangendo.
Perché la persona che mi stava riaccompagnando ha decretato che tanto la paura passa e che tanto a me andava bene così.
Piansi in slenzio per tutto il tragitto, era buio e forse non se ne accorse, o almeno finse di non vedere.

Non è la paura cretina che non sei altro.
È la consapevolezza che sarei un pericolo con il volante in mano.

E non me ne importa niente se gente più malmessa di me se ne frega e guida. Davvero un bel paragone grazie.

Fare una cosa solo perché la fanno gli altri non è mai stato un mio interesse, anche se così le persone come te e le tue pari possono umiliarmi ogni tre per due.

Facendomi pesare il fatto di dovermi dare passaggi.
Piuttosto vado a piedi.

Per fortuna a equilibrare le cose ci stanno gli Amici, quelli che si fanno anche decine di km in più dal loro tragitto per non farmi tornare a casa da sola in treno, Grazie Valeria.
Quelli che mi dicono che faccio bene se non me la sento a non guidare, che di gente pericolosa in giro ce ne sta già anche troppa.
Quelli che mi dicono che se cambio idea in un parcheggio deserto ad esercitarmi, una volta presa la patente, mi ci portano loro, ma solo se IO cambio idea.
Quelli che si ricordano di domandarmi se mi serve un passaggio, senza che io lo chieda, perché sanno che a volte non chiedo per partito preso.
Quelli che leggendo questo post rideranno perché finalmente ho scritto la cosa della piangiata  fino a casa, invece di sfogarmi solo con loro. Che la cosa è da una decina di anni che mi stava sul groppone. Via, come mi sento più leggera.

A voi tutti: Grazie di cuore.

Riciclaggi!

Lascia un commento

No, non dei regali, non ne faccio proprio.

No è un riciclaggio di post natalizio.

Che io quest’anno non sapevo bene come cavarmela per le feste.

E visto che sono logorroica e ripetitiva.
E visto che in fondo è sempre dicembre.
Faccio mio un suggerimento involontario di una persona che conosco, quasi, e vi rimando agli auguri dello scorso anno. Con tanto di fotografie.

Tanto per Natale vanno sempre bene. Forse… ^_^

Per l’anno nuovo vedrò se mi viene in mente qualcosa, anche se una mezza idea già la tengo.
Vedrò di farle raddoppiare il volume e farla diventare un’idea intera.


*Buon Natale*

Ma non dovevi non scriverlo?
Ah già, la mia quasi parente…Renza Incoe

Family

1 commento

Mi piace questo video.
Ed anche se è datato, sono spezzoni della prima serie, mi va di infilarlo qui.

Perché?
Perchè sì.

Ed aggiungo anche questo, così ci sta anche qualche pezzetto della seconda serie.

TRE…

Lascia un commento

E siamo a tre… spiegazioni poi.

^_^

Insegne…

Lascia un commento

Al neon!
C’era un mio collega, ora in pensione, che mi diceva, quando mi vedeva irritata per qualcosa, di spegnere l’insegna al neon che diceva chiaramente quello che stavo pensando.

Tipo mandare a stendere chi ti dice cose come:
Ma non ci pensare che tanto non cambia niente.
Ma su c’è chi sta peggio.
Ma non sei mai contenta.

Tutti a fare il bucato, di corsa!
Che tanto a pensare ad altro ci provo, ma poi l’angoscia ritorna e col cavolo che mi passa.
Che ci sta anche chi sta meglio, potrei una volta lamentarmi senza dovermi sentire in colpa con chi sta peggio, ma no, poi però quando si lamentano loro guai a provarcisi a restituire la cortesia. (Devo farmi prestare la bicicletta da Jane)
Contenta? Spesso e volentieri, mai in presenza di emeriti imbecilli che si accorgono che esisti solo per romperti l’anima sotto le feste.
Dopo che per un anno intero ti hanno ignorato.

Sì, dico a te che ieri pomeriggio prima di andartene a casa sei passata a farmi gli auguri, tutta melensa.
Non avevi notato che li avevo fatti alle altre e a te no? Strano di solito sei più sveglia.

Non ti è venuto in mente che da te non li volevo? Credo che però dopo ieri avrai capito.

Avrai notato l’insegna.
Quella che mentre ti dicevo -grazie altrettanto- lampeggiava con l’indicazione: Ma va un po’ a controllare la lavatrice!

E che quest’anno forse sfango la chiamata della zia suora, ho deciso che lascio rispondere la segreteria telefonica.

Però onestamente ci stanno persone che lo capiscono, e come mi ignorano durante l’anno fanno lo stesso adesso.
Il che onestamente è ben più gradito di certe smielate cacchiate da obbligo sociale.

Ops.

Grinch all’ennesima potenza… altro che spirito natalizio.

La sporta…

Lascia un commento

Come preannunciato nei giorni scorsi, sta arrivando.
È da questo pomeriggio che nevica copiosamente.
Domani mattina prima di andare al lavoro si esce con la pala.

E quanto mi piacerebbe farmi aiutare da qualcuno a caso.
Questa frase la capiscono solo i lettori della mia fanfiction su criminal minds… al che mi tocca darvi un straccetto di spiegazione.
Nella fanfic ad un certo punto inserisco una nevicata con annessa spalatura.
A spalare mando esattamente chi pensate, il personaggio nominato pochi post addietro.

E sì, la frase estrapolata dal contesto che citavo a novembre arriva da quella parte lì.

Quello che non potevo sapere era che sarebbe arrivata oggi.
A novembre non lo sapevo.
Che adesso era una settimana che si prevedeva la nevicata.

Cos’ha oggi di speciale?
Anniversario.
Nonno.
Ricordi.

Cosa c’entra mio nonno con una nevicata ed un telefilm?
Col telefilm niente, o quasi niente. Non so nemmeno se gli sarebbe piaciuto il genere.
Il quasi magari ve lo spiego, tra un annetto però.

Ma con la neve tanto.
Un ricordo dolce che me lo fa ricordare sempre sorridente.
Sempre.

Anche se sono passati 27 anni.

Older Entries Newer Entries