A leggere questa notizia su La Stampa Online mi è venuto in mente un discorso sentito l’anno scorso al mare.

C’erano alcuni ragazzini che stavano parlando delle loro città, alcuni erano di Milano, altri di Torino.
Uno dei milanesi se ne uscì a dire, erano nell’ombrellone a fianco difficile non sentirli, “Ah ma almeno Milano è stata la capitale della Padania… Torino non è mai stata la capitale di niente.”

Io che un filo la storia me la ricordavo diversa, aspettai che uno dei genitori correggesse il pargolo.
Ma nessuno gli stava badando. O forse se il figlio era ignorante la ragione di fondo era la cultura che respirava a casa.
Sta di fatto che non me ne stetti zitta, c’è gente che crede che sono acida solo per iscritto… solo quelli che non hanno mai avuto il piacere, discutibile, di conoscermi di persona.

“Guarda che Torino è stata capitale d’Italia, poi lo fu Firenze ed infine Roma”
Sguardi stupiti.
La ragazzina di Torino che gongolava.
Il giovane milanese seccato.

Onde evitare che si sentisse troppo ridicolo aggiunsi.
“Ma dì la verità lo hai detto apposta per vedere quanti sapevano un po’ di storia!”

La seccatura al bambino di Milano passò in un lampo.
La torinese continuava a gongolare.

Oh ero stata quasi diplomatica.
Cosa dissero i genitori?
Oh uno di loro se ne uscì a dire che a scuola non imparavano un tubo.
E io mi domandai quando mai lo avesse imparato lui, visto che non aveva corretto il pargolo per l’eresia detta.

Poi leggo quel pezzo, e in fondo, cosa aspettarsi?

E molto in fondo, proprio certa dei miei ricordi scolastici non lo ero manco io, dato che mandai ad un amica fiorentina il seguente SMS:”Senti, ma è vero che prima di Firenze a capitale d’Italia c’è stata Torino? No perché io sono ferma da un po’ con la scuola.”

Sua replica:
“Guarda storia non era certo la mia materia preferita, ma ricordo bene che Firenze divenne capitale solo dopo Torino.”

E se te lo dice una fiorentina, non ci stanno dubbi!
^_^

Annunci