Oh, ieri era La Palestra, oggi è Divertirsi Al Lavoro… cosa che capita sempre più di rado, ma quelle rare volte è bene tenersele da conto.

Sono presa a pulire il macchinario e non noto una mia collega che è passata a vedere se andava tutto bene, siamo sparse su macchinari vicini, ma a volte passano delle mezz’ore intere senza vedersi e buttarsi un occhio l’una con l’altra è una forma privata di sicurezza sul lavoro, nessuno se ne lamenta.

Mi chiama, ed ironizza sul mio sporco lavoro.
“Ah qui si batte la fiacca.”

Io, perfida, le domando se la lavatrice la fa stasera o domani.

“Eh?”

Insomma la mia replica alla sua battuta è insensata e non capisce, non subito almeno e prima che le si accenda la lampadina di comprensione la freddo sul posto:

“Vedi, non so se posso mandarti a stendere già stasera o se devo aspettare domani.”

Risate.

Elasti poco tempo fa ha scritto un post dove invitava a dire i propositi della fine dell’estate, e i desideri, non ricordo cosa ho messo, ma mi sa che devo aggiungere:

Tenermi stretti questi colleghi, che non è sempre possibile farsele queste benedette due risate, ma a volte servono.
E tanto.

Specie quando succede che abbondano i motivi per piangere, ma non se ne vuole parlare, che tanto a parlarne non cambia un fico secco ed allora si sta in silenzio, o si parla d’altro… e io sui fuori tema nei discorsi potrei tenere un seminario!