Home

Deliranti mattinate!

Lascia un commento

Mattino ore 5 e 43 minuti.

Entrare in fabbrica.
Cambiarsi le scarpe, mettere le forcine nei capelli che mi stanno dando noia, mo li taglio di nuovo corti!

Ore 5 e 54 minuti
Dirigersi al proprio macchinario alla spicciolata, due in una direzione, tre in un altra e così via nel frastuono che è assente solo al lunedì mattina.

Luci accese solo nei reparti con il personale che fa il turno di notte.

Nel reparto dove sono io ora non ci sta nessuno, quindi solo le luci di emergenza accese, quelle per permettere di arrivare alla propria postazione, in perfetto stile sul risparmio energetico, che è una cosa da pensare tutti i giorni e non solo per la bolletta.

Ore 5 e 55 minuti
Accendere le luci per se, e per le colleghe del reparto vicino.

“Grazie Rabb-it”

Erano dietro di me, ma il quadro è unico.
Si risparmia anche il tempo e si fa la solita battuta, un poco sacrilega, molto… forse.

“Prego, sai com’è il mio solito delirio di onnipotenza, mi piace poter dire: E luce sia!”

Ore 5 e 56
Accendere il macchinario, è meglio quando si ha anche il turno di notte, la macchina è già accesa e si ha una cosa da ricordarsi in meno, ma non è difficile.

Far partire il lavoro anche se non è ancora suonata la sirena, così non mi sento in colpa quando faccio la pausa caffé.

Ore 6.00
Suona la sirena, ma ora il frastuono è anche qui.
Non fa differenza.

Le risate di 5 minuti prima fan compagnia mentre si fan passare le otto ore… che sia quello a renderle più veloci?

Non lo so, ma mi piace pensarlo.

In fondo si dice che quando ci si diverte il tempo passa più velocemente.

Accidenti non ditemi che è per quello che il fine settimana di solito è un jet supersonico?

Quindi per la teoria dell’assurdo dovrei fare qualcosa che non mi piace per farmelo durare di più?

No no… vola pure bello!

In risposta ad un commento, su House MD… e non solo.

Lascia un commento

Anzi no, era una domanda sull’interprete.
Mi si chiedeva se sapevo come stava… ahem… io spero stia bene.

Le mie uniche fonti di informazioni, sul telefilm e sul suo inteprete arrivano dal forum di House, bannerino la in basso a sinistra.

Giusto ieri hanno messo online delle foto sulle riprese.
No, io le foto non ve le passo, ma il link per andarvele a vedere sì eccome!

Non so a quanti interesserà, ad una persona di sicuro.

Ecco un House in the beach

Ah… tempo fa avevo parlato del doppiaggio.

Molti mesi fa un blogger che leggo aveva scritto un post arrabbiattissimo per gli errori medici presenti.
Ora molti di quegli errori sono solo errori di adattamento, io dico anche del poco tempo che gli lasciano per lavorare, una volta le serie le vedevamo in Italiano l’anno dopo che erano andate in onda in USA… ora fretta tutti hanno fretta… ma certi strafalcioni pare proprio che c’entrino con il pressapochismo più che con la fretta.

Una volta una persona domandò dove aveva studiato medicina il tizio che fa le consulenze per gli adattamenti, io risposi che mi bastava sapere che NON esercitava la professione!

Non so chi sia il consulente medico per il doppiaggio di House e non voglio saperlo, potrebbe essere il mio dottore e avrei di che preoccuparmi!

(L’ultima parte spero sia solo una battuta, ma davvero non ho idea… non leggo mai i titoli di coda)

Però se leggete anche qui è più chiaro il mio… delirio notturno.

Devo proprio imparare l’inglese e guardarmi le serie in originale.
Ceeerto, come no!

Hey mai dire mai!

Vattene, Enza!

CHI?

Ora tu hai un nome ed un cognome grazie allo Hobbit piccolo, quindi… attenta a quel che dici.

Il mio nome sarebbe Enza? Scusa e il cognome… oddio non dirmelo… Cosci?
Senti e se esitesse veramente una persona con questo nome, sai la querela?

Infatti su MSN nel messaggio di presentazione ho scritto:
Enza Cosci è una rompiscatole, mi scusino le eventuali omonime!

Ti sei parata…non ti dico cosa!
Però qualcuno passerà a dirti che non sei stata originale.

Non lo sono mai, che problema vuoi che sia. Ora sparisci!

Vado! Per ora…

Buonanotte, anzi… buon mattino!
E buon fine settimana.

(Post programmato per venerdì mattina, ma scritto con qualche modifica strada facendo…tipo i link alle foto, tra mercoledì e giovedì notte…ah…. le delizie dell’insonnia!)