Ci sono categorie di persone che si divertono a disturbare il prossimo, per godersi la reazione.
In internet son chiamati troll

Disturbatori.
Per il gusto di provocare.

Non per iniziare dibattiti su idee divergenti, no solo per sputar veleno.

Ora io tendo ad accendermi con facilità, e do spesso fuoco a code di paglia senza ragione, a volte anche involontariamente.
Mentre questa categoria lo fa con calcolo.

Gran tempo da perdere.
Dedicare loro un post è eccessivo, si dice che non si deve dare da mangiare ad un troll, loro mangiano quando gli si da corda.

E’ che uno pensa, ma come faccio a difendere dagli attacchi ingiusti una persona che so essere meritevole della mia difesa, senza fare la felicità di queste belle personcine?

Facile, dedico loro UN solo post, invitando i miei tre(trenta?) lettori a non commentarlo.

Anche perchè altrimenti sembra che voglio fare pubblicità al mio blog sfruttando la fama di quello di Elasti.

Esatto è da lei che in questi ulitmi due giorni si sono riversati un po’ di questi soggetti, grane della notorietà… non credo, il suo era un blog conosciuto da un pezzo, ma all’uscita del libro sti signori arrivano a definirla una persona falsamente umile e tante altre porcherie che onestamente non si merita.

E no io non conosco Elasti, ma una cosa la so.
Le persone false sono molto, ma molto diverse da lei.
Parola di falsa, riconosco i miei simili e lei non lo è!

Elasti scusa la… tiritera, ma se commentavo ancora la sopra li facevo solo contenti.
Ho preferito passar da casa mia, che è molto poco frequentata, ma quei pochi capiranno a cosa mi riferisco.

Ignorali, e passa oltre.